MUSICISTI EMOZIONATI – Come salire sul palco (e vivere felici) Laboratorio di presenza scenica

MUSICISTI EMOZIONATI Come salire sul palco (e vivere felici)

Laboratorio di presenza scenica e SoundPainting

Docente: FABIO AMBROSINI

 

Emozionarsi sul palco porta a ‘vivere’ la situazione nella sua pienezza.

 

Tramite l’empatia il pubblico partecipa, immagina, gioisce e soffre per mezzo del musicista che, immerso nel rapporto col prorpio strumento, amplifica le proprie percezioni raggiungendo la pienezza del phatos.

 

Questo stato di percezione può essere costruito, ricercato, capito e coltivato non soltanto nei confronti del proprio strumento, ma anche coi propri compagni sul palco e con chi ci ascolta. Fino a raggiungere qulla stessa unione palco pubblico teorizzata da Aristotele per la tragedia greca e così duramente ricercata nella storia del teatro moderno.

 

EMOZIONE – [e] fuori [moveo] muovo, agito

E’ il messo fra un universo interno e il mondo di tutti.

E’ la manifestazione diretta dell’inconoscibile agitazione che é il nostro primo movente, il primo motore. La sua sede naturale sono corpo, respiro e la mente nell’atto del percepire.

 

Il palco può essere il luogo più naturale dove vivere ed esplorare questi insiemi psicofisici in uno stato di coscienza che ci metta in grado di percepirli e governarli.

 

Partendo da giochi e strutture di improvvisazione molto semplici, utilizzeremo tecniche derivanti da diverse scuole e discipline che vanno dal contact improvisation al metodo Stanislavkij per focalizzare la nostra attenzione sull’insieme corpo-psiche, liberarlo dai percorsi emozionali del quotidiano ed esplorare le possibilità, le potenzialità fino a renderlo strumento consapevole. Il nesso tra noi e il pubblico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: