La Storia

lacandinaunosmpLa Scuola di Musica Popolare nasce nel 1986 per volontà dell’Amministrazione Comunale di Forlimpopoli.
Dal 1992 è costituita in associazione culturale. Durante i quasi trenta anni scolastici la Scuola ha organizzato settimanalmente corsi strumentali, teorici, corsi di musica d’assieme, di danza popolare, liuteria e etnomusicologia, coinvolgendo centinaia di persone di ogni età, provenienti prevalentemente dal territorio, ma anche da altre regioni italiane e paesi Europei. A questi corsi sono stati affiancati diversi stage introduttivi o di perfezionamento inerenti aspetti specifici della musica popolare, che hanno conferito alla scuola un respiro internazionale.

Si parla, allo stato attuale, di oltre 30 strumenti insegnati durante il normale anno scolastico a cui si aggiungono, periodicamente, diversi workshop brevi della durata di due o tre giorni.
Grazie al lavoro della scuola, Forlimpopoli ha potuto ospitare alcuni dei più importanti musicisti ed orchestre di estrazione etnica, che si sono esibiti sia in concerti che in lezioni dimostrative.
Lo stesso FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE, giunto nel 2014 alla sua XX edizione e realizzato, nelle ultime 10 edizioni, in collaborazione con la Scuola Musicale “Dante Alighieri” di Bertinoro nell’ambito del JCE Network Festival, nacque nel 1986 per volere della scuola stessa.

A questo si è aggiunto, sostenuto dalla SMP ma organizzato dall’associazione Officina Idee, il Forlimpopoli Didjin’Oz, un festival dedicato alla musica ed alla cultura Australiana che, dopo undici edizioni, è divenuto il più importante Festival di settore in Italia.

 

Ogni anno, a termine dei corsi la Scuola tiene un saggio finale dei propri allievi denominato “Buonanotte suonatori”.

Negli anni questa serata finale delle attività scolastiche si è ampliata con interventi di solisti e gruppi ospiti e la collaborazione con altre realtà associative, divenendo un appuntamento importante nel panorama musicale folklorico italiano. In questi anni la notorietà della Scuola di Musica Popolare si è fortemente diffusa ed oggi, anche grazie alla realizzazione, negli ultimi anni, di due progetti finanziati dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LLP Grundtvig, la SMP è conosciuta nell’intero mondo musicale europeo di ispirazione popolare.

Anche grazie a questo posizionamento della SMP, la città di Forlimpopoli è oggi spesso identificata come centro di produzione e divulgazione del patrimonio musicale etnico. Lo scopo fondamentale della scuola è stato quello di dare rilancio, attualità e qualità al genere musicale folk, troppo spesso relegato o a puro ambito museale da un lato, o a svilenti appiattimenti commerciali dall’altro.
Esigenza dunque di assicurare continuità ad un patrimonio culturale di indiscutibile valore, e spesso di particolare bellezza, i cui spazi naturali (tradizionali) si vanno sempre più restringendo, e opportunità di contribuire al superamento di steccati e di pregiudizi di vario genere, attraverso una intelligente mediazione culturale tra aree geografiche diverse e tra vecchie e nuove generazioni. Dopo anni di attività possiamo essere felici dei risultati: numerosi sono i musicisti ed i gruppi (citiamo ad esempio i Bevano Est) che si sono formati o conosciuti nella Rocca di Forlimpopoli (sede della scuola),  che ora svolgono attività concertistica, didattica e registrano dischi. Oggi la vita stessa della scuola è direttamente legata alla propria capacità di offrire servizi di qualità alla collettività; ciò è possibile grazie a competenze, conoscenze e contatti maturati in tanti anni, che consentono all’associazione di essere punto di riferimento, strumento di contatti e occasione di professionalità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: